Logo
Logo

Il disturbo depuzzlell’apprendimento non verbale (DANV) è caratterizzato da cadute in compiti di natura visuospaziale, lasciando pressoché preservate le abilità linguistiche; ha conseguenze sulle competenze scolastiche e, molto spesso, può determinare difficoltà simili a discalculia, aprassia o difficoltà di problem solving geometrico.

Tra i disturbi dell’apprendimento, quello di tipo non verbale è il meno studiato (sebbene  i primi studi risalgano agli anni ’70) e non è ancora riconosciuto nelle classificazioni ufficiali, infatti non è inserito nei manuali diagnostici  e non è stato trattato nella Consensus Conference (Associazione Italiana Dislessia, 2007) sui Disturbi specifici di apprendimento (DSA).

Il Italia il gruppo di Cornoldi ha proposto di parlare di “disturbo visuospaziale dell’apprendimento”, sottolineando così le difficoltà visuospaziali implicate. Secondo questi Autori il DANV comporterebbe:

  • Difficoltà cognitive specifiche di natura visuospaziale con una discrepanza significativa tra intelligenza verbale e spaziale; in particolare, utilizzando una delle versioni della WISC, è possibile osservare prestazioni molto carenti nei subtest di Disegno con cubi e Ricostruzione di oggetti (che rientrano nell’area del QIP) a fronte di prestazioni elevate nelle prove di Vocabolario e Informazioni (che rientrano nell’area del QIV) (Vedi anche valutazione neuropsicologica).
  • Difficoltà in prove di natura visuospaziale e in particolare in compiti di memoria di lavoro visuospaziale.
  • Profilo degli apprendimenti scolastici caratterizzato da una caduta nell’area della matematica o in altre discipline che sottendono il coinvolgimento di aree visuospaziali e grafo-motorie, quali: geometria, disegno, lettura delle tabelle e di grafici di studio, scienze, comprensione di testi che implicano una rappresentazione spaziale.
  • Assenza di fattori di esclusione per i disturbi specifici dell’apprendimento: condizioni di handicap, ritardo cognitivo o fattori esterni, come adeguato insegnamento o carenze nell’ambiente socio-culturale.

 

Contattando la Dott.ssa Antonietta Bruzzese al n. 339.7277350, oppure, inviando una mail all’indirizzo bruzzese.antonietta@gmail.com sarà possibile fissare un

colloquio informativo gratuito (Attenzione: leggi dettagli)

per avere ulteriori chiarimenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi