Logo
Logo

Si devono evitare i litigi davanti ai figli?

Secondo alcuni il litigio nella coppia è il sale dell’amore, un po’ come la gelosia. Cosa accade, però, quando ad assistere a un litigio ci sono dei bambini? Sciogliete ogni vostro dubbio al riguardo su Doctissimo con l’aiuto della Dottoressa Antonietta Bruzzese, specializzata in Psicologia dell’età Evolutiva, che ci spiega le conseguenze dei litigi sui bambini e ci dà qualche consiglio su come affrontare i problemi di coppia quando non si è più solo in due. (LEGGI TUTTO)

Conflitti tra fratelli

Urla, piedi che sbattono sul pavimento e lacrimoni sono rumori quotidiani per chi ha più di un figlio. Spesso si arriva ai trattati di pace solo grazie a lunghe contrattazioni diplomatiche portate avanti dai genitori, che cercano di far tornare la serenità all’interno del focolare domestico. Eppure sarebbe meglio se optassero per il non intervento… scoprite con Doctissimo e con la dottoressa Antonietta Bruzzese, specializzata in Psicologia dell’età Evolutiva, le cause dietro le liti tra fratelli, come intervenire e cosa bisogna assolutamente evitare. (LEGGI TUTTO)

I figli nati da matrimoni misti

L’educazione dei figli mette spesso a dura prova perfino le coppie più solide e i problemi possono anche moltiplicarsi nel caso in cui mamma e papà provengano da due paesi e due culture diversi. Bisogna festeggiare l’ Hanukkah ebraica o il Natale cristiano? E quale lingua si dovrebbe usare per rivolgersi al bambino? Che il tuo amore venga da più o da meno lontano scopri con Doctissimo e con l’aiuto della Dottoressa Antonietta Bruzzese, specializzata in Psicologia dell’età Evolutiva, come evitare i conflitti e far crescere un sereno cittadino del mondo di domani. (LEGGI TUTTO)

Mamme che uccidono: la sindrome di Medea

Protagonista di una tragedia greca, Medea dopo essere stata ripudiata dal marito Giasone uccide per vendetta prima l’ex-marito e la sua nuova sposa, e poi i suoi stessi figli per sterminare la discendenza di Giasone. In psicologia la sindrome di Medea sta proprio a indicare una madre che uccide la sua stessa prole. Come scatta il raptus omicida? Ci sono sintomi che possono far presagire la tragedia? Doctissimo ha intervistato la dottoressa Antonietta Bruzzese, specializzata in Psicologia dell’età Evolutiva, che ci aiuta a far luce sulla sindrome di Medea. (LEGGI TUTTO)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi